Sulla variabilità delle specie

Re: Sulla variabilità delle specie

Messaggiodi apicolo » 26 marzo 2016, 21:01

Isola d'Elba
Foto Giuliano Frangini
Allegati
2008 - 33.JPG
2008 - 33.JPG (187.98 KiB) Osservato 7406 volte
Giuliano Frangini

Quant'è bella giovinezza, che si fugge tuttavia! Chi vuol essere lieto, sia: Di doman non c'è certezza
Versi scritti nella seconda metà del ‘400 da Lorenzo de’ Medici
Avatar utente
apicolo
Socio G.I.R.O.S.
 
Messaggi: 864
Iscritto il: 6 giugno 2011, 8:13
Località: isola d'Elba (LI)
Nome: Giuliano
Cognome: Frangini
Località: Isola d'Elba

Re: Sulla variabilità delle specie

Messaggiodi apicolo » 26 marzo 2016, 21:02

Isola d'Elba
Foto Giuliano Frangini
Allegati
DSCN8378.JPG
DSCN8378.JPG (184.48 KiB) Osservato 7406 volte
Giuliano Frangini

Quant'è bella giovinezza, che si fugge tuttavia! Chi vuol essere lieto, sia: Di doman non c'è certezza
Versi scritti nella seconda metà del ‘400 da Lorenzo de’ Medici
Avatar utente
apicolo
Socio G.I.R.O.S.
 
Messaggi: 864
Iscritto il: 6 giugno 2011, 8:13
Località: isola d'Elba (LI)
Nome: Giuliano
Cognome: Frangini
Località: Isola d'Elba

Re: Sulla variabilità delle specie

Messaggiodi Alex » 8 aprile 2016, 15:12

Interessante questa discussione!
E dificile per me di intervenire, faccio tanta fatica a scrivere in italiano!
Alcune considerazioni comunque...
Vedo che Antonio Croce ha scritto: "Sono convinto che 2 sottospecie di Ophrys non possano essere simpatriche". Secondo me, non si tratta di convinzione, pero piuttosto di postulato. In realta', finora nessuno è in grado di fornire una definizione della specie o della sottospecie che sia valida in tutti i campi della biologia (zoologia, botanica, ecc). Ci sono soltanto delle definizioni parziali, che si applicano magari bene ad un certo gruppo di organismi (ad esempio i mammali, i pesci, le pteridofite...) ma che non hanno più nessuna validità quando vengono applicate ad altri gruppi. Dobbiamo sempre tenere in mente che le specie (o sotto-specie, o qualche altro livello della taxonomia) non esistono realmente per se nella natura, sono soltanto delle costruzioni della mente umana (cioè dei concetti). Soltanto gli individui esistono. Poi proviamo a raggrupparli in certe categorie ma è sempre un esercizio arbitrario.
Quindi quando qualcuno dice che "2 sottospecie di Ophrys non possano essere simpatriche", non vuol dire altro che l'impossibilità della simpatria dovrebbe fare parte della definizione della sottospecie (per quanto riguarda gli Ophrys) secondo questa persona.

Insomma tutta questa discussione, benché interessante (insisto!), mi pare un po' vana, nel senso che i termini (specie, sottospecie,...) non sono definiti per niente in primis.
Avatar utente
Alex
Socio G.I.R.O.S.
 
Messaggi: 312
Iscritto il: 18 giugno 2011, 13:58
Località: Toulouse, Francia
Nome: Alexandre
Cognome: BOUVET
Località: Toulouse (F)

Precedente

Torna a Ricerca, Genetica e Nomenclatura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron